Navigare Facile

Le Lingue Regionali

Le Lingue Regionali Riconosciute Patrimoni dell'Umanità

Nella nostra penisola si parlano dialetti, o lingue, che vantano una lunga e ricca tradizione culturale in ragione della quale sono state giudicate dall'UNESCO patrimoni da salvaguardare. Lingue per merito delle quali hanno preso vita opere di poesia e letteratura, nonché canzoni amate in ogni luogo. Idiomi che hanno dato nomi a prelibati cibi esportati in tutto il pianeta e che hanno permesso alle persone di ogni ceto sociale di esprimersi per secoli e secoli.

Di seguito vi forniamo un elenco di tali lingue che, lo ricordiamo, non beneficiano di status particolari all'interno del nostro ordinamento, perlomeno a livello nazionale, nonostante siano state tutelate dall'UNESCO.
La lingua Piemontese
Di origine neolatina occidentale, è parlata nella maggior parte dei territori piemontesi, oltre che in alcune zone della Lombardia e della Valle d'Aosta.
La lingua Veneta
E' una lingua romanza diffusa in Veneto e in parte del Trentino e del Friuli. Pur non essendo riconosciuta dallo Stato, beneficia della tutela assicurata a livello regionale. Uno fra i più celebri autori che hanno diffuso il dialetto veneziano è Carlo Goldoni, illustre fondatore della commedia teatrale.
La lingua Lombarda
Nata dalla famiglia gallo italica, è utilizzata in Lombardia, nel Cantone Ticino, nella zona dei Grigioni, oltre che in alcuni parti del Piemonte. E' interessante notare come il film L'albero degli zoccoli di Ermanno Olmi, vincitore della Palma d'Oro, sia stato girato in bergamasco per rendere omaggio ai luoghi in cui si svolgeva la storia, per poi essere doppiato in italiano.
La lingua Emiliano Romagnola
Racchiude dialetti locali appartenenti alla famiglia gallo italica, è radicata in Emilia-Romagna, in parte della Toscana e delle Marche. Forse non tutti sanno che lo splendido Amarcord, girato da Fellini nel 1973, si ispira all'espressione tipica del dialetto romagnolo "a m'arcord", ovvero mi ricordo, un modo di dire entrato nel linguaggio universale.
La Lingua Ligure
Inclusa tra le lingue romanze, è utilizzata in Liguria, ma si è diffusa oltre i confini nazionali, dal momento che la sua variante definita monegasco è parlata nel Principato di Monaco. E' celebrata anche da Fabrizio De Andrè, autore di splendide canzoni genovesi che custodiscono la cultura e le tradizioni della città, insieme a valori e sentimenti universali.

La Lingua Napoletana
E' una lingua romanza, ancora viva in Campania, così come in altre zone del Sud Italia, anche in virtù della lunga dominazione del Regno di Napoli. E' uno tra i dialetti italiani più celebri in tutto il mondo, sia per il fenomeno dell'emigrazione che per l'universalità di canzoni come 'O sole mio, Funiculì funiculà e tante altre melodie apprezzate in ogni luogo e in ogni tempo.
La Lingua Siciliana
Lingua romanza, ancora assai diffusa in Sicilia e nei paesi del mondo versi i quali si è concentrata principalmente l'emigrazione, in primis gli Stati Uniti. L'idioma è stato reso celebre anche per merito di grandi scrittori siciliani, tra i quali il Premio Nobel Luigi Pirandello, Giovanni Verga, autore de I Malavoglia, ed il creatore del Commissario Montalbano, Andrea Camilleri.